Riduzione grasso corporeo localizzato

LIPOSUZIONE

riduzione_grasso_corpo.jpgLa liposuzione consiste nell’aspirazione del tessuto adiposo localizzato in eccesso  (lipodistrofia) e  può essere effettuata in tutti i distretti corporei.
La distribuzione del grasso è diversa nei due sessi: nell’uomo è più rappresentata a livello addominale e sui fianchi, mentre nella donna è più concentrata sulle cosce e ugualmente sui fianchi.
L’intervento in argomento consente di donare o ridonare al corpo un profilo armonioso tutte le volte in cui questo, per svariati fattori, viene a mancare.
Il paziente, per esempio, potrà apprezzare il risultato ottenuto indossando nuovamente indumenti che, a causa degli accumuli adiposi, non andavano più bene e ciò senza lo sforzo di diete eccessive o attività fisiche che, seppur utili, consentono un calo ponderale, senza, tuttavia, risolvere il problema della lipodistrofia.
liposuction_copia.jpgDato che le cellule adipose si moltiplicano sino all’età adolescenziale – dopo di ché aumentano solo di volume- con la liposuzione viene rimossa la giusta quantità di adipociti, che, non potranno più riformarsi.
Esistono svariate tecniche per il trattamento della lipodistrofia, dalla liposuzione classica alla laserlipolisi: secondo la nostra esperienza la tecnica classica rimane a tutt’oggi ancora la procedura più affidabile.
E’ importante, tuttavia, dissipare un’erronea convinzione comune e chiarire che le irregolarità della cute presenti prima dell’atto chirurgico (cellulite) non sono correggibili con l’intervento di liposuzione, in quanto l’eziologia di tale inestetismo è imputabile ad un difetto di vascolarizzazione superficiale della cute e quindi non curabile con l’aspirazione del tessuto adiposo in eccesso.
Dal punto di vista tecnico, l’intervento chirurgico viene eseguito in anestesia locale, supportata da blanda sedazione e consta di due fasi: la prima consiste nello scollamento e nell’asportazione del grasso in eccesso localizzato in profondità (liposuzione); la seconda nel rimodellamento del grasso rimanente a ricostituire un adeguato profilo (liposcultura).
In alcuni casi, la liposuzione può essere associata ad un lipofilling, ovvero l’innesto di piccole quantità di grasso aspirato, a correzione di zone carenti.
Il candidato dovrà indossare una calza o una fascia elastica per trenta giorni ma la vita  ordinaria potrà essere ripresa il giorno seguente l’intervento.
L’edema (gonfiore) postoperatorio non si può considerare una sequela, perché è la regola ed in linea di massima, scompare entro 2/3 mesi, anche se in qualche zona può persistere più a lungo.
Le ecchimosi e gli ematomi, conseguenza transitoria ed inevitabile della liposuzione, permangono per circa due settimane, ma al fine di evitare la formazione di una iperpigmentazione della cute si deve evitare l’esposizione solare diretta per almeno 2 mesi.

Consenso informato

Scarica il Consenso Informato in pdf. Scarica il Consenso Informato in pdf.

 

Casi clinici

Paziente 1 - Pre
Paziente 1 - Post
Paziente 2 - Pre
Paziente 2 - Post
Paziente 2 - Pre
Paziente 2 - Post
Paziente 3 - Pre
Paziente 3 - Post
Paziente 3 - Pre
Paziente 3 - Post
Paziente 4 - Pre
Paziente 4 - Post
Paziente 4 - Pre
Paziente 4 - Post

logo_blur.png n-verde-small.jpgPer informazioni o consulti
info@drchirurgiaestetica.com
Seguici su:
fb.png 
aicpe.jpg sicpre.jpgassace.jpg