Riduzione volume ventre e riposizionamento muscoli addominali

ADDOMINOPLASTICA

riduzione_ventre.jpgL’addominoplastica mira a risolvere il problema dell’addome prominente, causa di insoddisfazione sia per uomini, sia per donne.
L’addome prominente è il risultato di varie cause quali: un brusco calo ponderale; una debolezza della muscolatura; una gravidanza o la perdita di tono della pelle, che non risponde più alle diete o all’esercizio fisico.
L’addominoplastica è una procedura chirurgica che permette di appiattire l’addome, eliminando sia l’eccesso di pelle, sia l’eccesso di grasso, ripristinando nello stesso tempo un adeguato profilo e un giusto tono.
L’intervento chirurgico deve essere programmato quando il candidato ha raggiunto il suo peso ideale, senza che siano prevedibili non trascurabili variazioni ponderali.
La tecnica chirurgica deve essere scelta in base alla quantità di grasso, cute in eccesso e al tono cutaneo presente.
La diversa e meno invasiva tecnica della liposcultura, in alcuni pazienti, con una tonicità cutanea conservata, è sufficiente da sola per produrre un addome più sottile. Quando, invece, è presente un rilassamento ed un eccesso di pelle a livello sottombelicale è necessario intervenire con una dermolipectomia, ovvero l’asportazione contenuta di cute con esiti cicatriziali minimi.
Nei casi, poi, che presentano un notevole un eccesso di pelle, l’unica soluzione è l’addominoplastica classica.
addominoplastica.jpgL’addominoplastica si esegue in anestesia generale e richiede un’incisione intorno all’ombelico ed una seconda incisione sovrapubica che va da un fianco all’altro.
Se all’addome prominente è associato anche un indebolimento della muscolatura della parete addominale (diastasi dei retti), esso deve essere corretto intraoperatoriamente effettuando una plastica mediante sutura dei muscoli e, in pazienti in cui si riscontra un vero e proprio “sventramento” addominale (apertura della parete muscolare) è necessario posizionare  una rete protesica al fine di riconsolidare la parete.
La degenza sarà di almeno un giornocon l’eventualità di inserire un drenaggio il quale sarà rimosso prima della dimissione. Occorrerà indossare per almeno tre settimane una mutanda elastica o una fascia addominalee i punti di sutura saranno rimossi dopo dieci/quattordici giorni. Le cicatrici tenderanno ad attenuarsi nel tempo ma potrebbe presentarsi la necessità di eseguire una revisione chirurgica delle stesse non prima però di 4-6 mesi. E’ consigliabile non fare sforzi fisici né sollevare pesi nelle prime settimane dopo l’intervento mentre l’attività fisica sarà permessa dopo il parere del chirurgo.

Consenso informato

Scarica il Consenso Informato in pdf. Scarica il Consenso Informato in pdf.


Casi clinici

Paziente 1 - Pre
Paziente 1 - Post
Paziente 1 - Pre
Paziente 1 - Post
Paziente 1 - Pre
Paziente 1 - Post
Paziente 2 - Pre
Paziente 2 - Post
Paziente 2 - Pre
Paziente 2 - Post
Paziente 3 - Pre
Paziente 3 - Post
Paziente 3 - Pre
Paziente 3 - Post
Paziente 4 - Pre
Paziente 4 - Post
Paziente 4 - Pre
Paziente 4 - Post
Paziente 5 - Pre
Paziente 5 - Post
Paziente 5 - Pre
Paziente 5 - Post

logo_blur.png n-verde-small.jpgPer informazioni o consulti
info@drchirurgiaestetica.com
Seguici su:
fb.png 
aicpe.jpg sicpre.jpgassace.jpg